Statistiche

0814815
Tot. visite contenuti
814815

Cerca

Newsletter

Iscriviti al servizio newsletter di Scuolaslow!

Novità

Scuola Slow è anche su Twitter (https://twitter.com/Scuolaslow) e su Facebook (https://www.facebook.com/scuola.slow)Twitter  Facebook

 

La scuola serve a vivere meglio, non a produrre di più
(Nando Cianci)

Cos'è Scuolaslow

Scuolaslow è una piazza nella quale incontrarsi, discutere, raccontare le riflessioni, le esperienze, le pratiche intrecciate con l'idea di una scuola slow, vale a dire sottratta...

LEGGI TUTTO >>>

Condividi

 
di Nando Cianci

Scrive Beppe Severgnini sul Corriere della sera del 24 settembre: «
la lentezza, in Italia, è spesso un alibi per la pigrizia. Nel 2015 arriverà il Frecciarossa 1000, e andremo da Milano a Roma in 2 ore e 20 minuti. Qualcuno dirà che non è necessario, e si lancerà nel consueto “elogio della lentezza”. Vada a ripeterlo ai

passeggeri del Regionale 29075 Udine-Trieste (via Cormons): 1 ora e 22 minuti per percorrere 82 km, ma ieri avevamo venti minuti di ritardo. 
La velocità non è solo fretta e non è sempre frenesia. È una condizione per vivere, lavorare e produrre nel XXI secolo. Non una condizione esclusiva: si può leggere un lungo romanzo su un treno che corre. La lentezza, in Italia, è spesso un alibi per la pigrizia. Non possiamo permettercela. Internet sta imprimendo l’accelerazione provocata, cent’anni fa, dal telegrafo senza fili, dalla radio e dagli aerei.. 
La banda larga mobile, l’alta velocità ferroviaria e alcuni strumenti diagnostici sono esempi quotidiani di rapidità: domandate a chi li utilizza se intende rinunciarvi. Se è contento d’aspettare cinque minuti per caricare un sito internet. Se vuol tornare a impiegare dieci ore per andare da Milano a Roma.
Se l’Italia si trova dov’è, e non dove dovrebbe essere, è anche per la mancanza di velocità. I bradipi nazionali sono ubiqui e astuti. Nel lavoro, nei trasporti, nelle procedure e nelle autorizzazioni: troppe cose sono rallentate. È inutile riempirsi la bocca con le opportunità per i giovani, se un ragazzo che lavora viene pagato dopo mesi (senza spiegazioni: dipende dell’umore della contabilità aziendale). Ci sono attività che richiedono lentezza: sesso e cibo, per dirne due. Slow Food , perciò, va bene. Slow Trains , Slow Reforms , Slow Jobs ? Possiamo farne a meno». 

Per quanto vengano divise in modo troppo radicale le sfere di competenza della velocità e della lentezza, e sorvolando qui sulle cause per cui «l’Italia si trova dov’è», occorre convenire con Severgnini sul fatto che, in certe circostanze, quella che viene chiamata comunemente lentezza è davvero qualcosa di socialmente ed eticamente insopportabile. Solo che non dovrebbe chiamarsi lentezza. Per esempio: la stravaccata e inconcludente inefficienza dei fannulloni che impiantano la propria pigrizia nei luoghi di lavoro può trovare una più calzante definizione nell’ambito del parassitismo e dello spregio dell’etica del servizio. Altre cose. Così come non può definirsi  lento, a rigore, l’atteggiamento di chi –conquistata la testa di una qualsivoglia fila- decelera improvvisamente e fa tutto al rallentatore, godendo del fatto che egli è lì e altri due o cinque o dieci sono in coda e dovranno aspettare che egli finisca. Quel tale non è lento, ha solo scelto la maniera più sciocca di avere i suoi due minuti di potere sul resto del mondo. Analogamente i responsabili dell’inefficienza dei trasporti e degli altri servizi non sono mossi dalla lentezza, bensì, anch’essi, da spregio dell’etica del servizio.
    Chi elogia la lentezza, dunque, non intende sostituire quella che Franco Cassano chiama la «religione affannata e paonazza» della corsa con una paludosa, inconcludente e perpetua melina. Chi elogia la lentezza sa bene che la misura giusta è di «rallentare quando è possibile e accelerare quando occorre» e che lavorare con lentezza è «sinonimo di lavorare con amore e giusto ritmo, in armonia con le altre persone e con l’ambiente, con quella meravigliosa alternanza tutta orientale di velocità e rallentamenti, di accelerazioni e di pause», come ben ci ha spiegato Bruno Contigiani. Chi elogia la lentezza non mette sotto critica la velocità in quanto tale, bensì l’integralismo, la deriva incontrollata e l’assolutismo della velocità. E sa, perciò, cogliere i vantaggi e le opportunità di una velocità funzionale al benessere umano e non elevata a indiscutibile divinità cui tutti i valori dell’uomo debbano piegarsi. Perché lentezza e velocità, se vissuti senza fondamentalismi, possono dar luogo ad una feconda coesistenza.


Condividi

A passo d'uomo

A PASSO D'UOMO

www.apassoduomo.it 
è il nuovo blog scritto a più mani e  pensato come luogo di incontro, [ ... ]

Leggi tutto...

Parole al vento

MAGNANIMITA'

di Nando Cianci

Sui social network si leggono, con straripante frequenza, giudizi perentori ed inappellabili su avvenimenti, idee, fatti pubblici e privati. Tali giudizi sono per lo più accompagnati da insulti verso chi la pensa diversamente, trattato

Leggi tutto...
PUNTATE PRECEDENTI

Gradimento 
Flauto 
Curiosità 
Tablet ai lattanti 
Fannulloni 
E allora? 
Penelope e 'a carogna 
Stare in fila

Truccati per la competizione  
La rivincita del somaro 
Psicofarmaci ai bambini 
Asfaltare l'avversario

Libri lenti

VIANDANTI E NAVIGANTI. EDUCARE ALLA LENTEZZA AL TEMPO DI INTERNET

                                                   COPERTINA COPIA LAVORO

 di Nando Cianci

Youcanprint, Tricase pp. 120, € 10,00

Leggi tutto...
SLOW SCHOOL

RITSCHERdi Penny Ritscher, Giunti, Firenze, pp. 144, € 10,00

Leggi tutto...
LAVORARE CON LENTEZZA

LAVORARE_LENTEZZA

di Bruno Contigiani, Dalai Editore, Milano, pp. 112,      € 13,00

Leggi tutto...
GIOVENTU' SCIPPATA
copertina_libro
 
di Nando Cianci                  (con presentazione di Carlo Sini),Teaternum, pp. 160, € 10,00
Leggi tutto...
LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA

PedagogiaLumaca 1

   di Gianfranco Zavalloni, EMI, Bologna, pp. 153, € 12,00

Leggi tutto...
ELOGIO DELL'EDUCAZIONE LENTA

FRANCESCH

di Joan D. Francesch        La Scuola, Brescia,                 pp.192, € 9,50

Leggi tutto...
L'ARTE DEL VIAGGIARE LENTO

MERLINI

a spasso per l’Italia senz’auto
di Paolo Merlini, Ediciclo editore, Portogruaro, pp. 176, € 14,50

Leggi tutto...