Statistiche

1076427
Tot. visite contenuti
1076427

Cerca

Newsletter

Iscriviti al servizio newsletter di Scuolaslow!

Novità

Scuola Slow è anche su Twitter (https://twitter.com/Scuolaslow) e su Facebook (https://www.facebook.com/scuola.slow)Twitter  Facebook

 

La scuola serve a vivere meglio, non a produrre di più
(Nando Cianci)

Cos'è Scuolaslow

Scuolaslow è una piazza nella quale incontrarsi, discutere, raccontare le riflessioni, le esperienze, le pratiche intrecciate con l'idea di una scuola slow, vale a dire sottratta...

LEGGI TUTTO >>>

Condividi

INIZIO1di Carlo Sini
Jaca BookMilano, pp. 240, € 15,00
Il libro: L'idea di un nuovo inizio per la filosofia è al centro del percorso di questo libro, contrassegnato da tre grandi aree tematiche. Anzitutto il confronto con la scienza a partire da quello che Husserl, al termine della vita, chiamò "un piccolo inizio". Poi l'analisi del potere invisibile delle cose e delle azioni, con il suo intreccio imprevedibile e gli effetti di ritorno sulle metamorfosi dei viventi, sui loro contesti di senso e sui nostri pensieri. Infine il grande tema dei discorsi come luogo primario del processo di ominizzazione e del cammino plurimillenario della cultura, caratterizzata oggi dall'esigenza di una "nuova alleanza" tra sapere filosofico, impresa scientifica e figure culturali operanti in varie forme sul pianeta. Questo chiarimento delle figure del sapere e dello stesso procedere della filosofia in

base alla dinamica dei discorsi mira a cancellare quel dualismo cartesiano mente-corpo che ancora domina sottilmente l'organizzazione ideologica della grande impresa della conoscenza. La costruzione della oggettività scientifica in cammino trova qui il suo definitivo chiarimento di senso, grazie all'originale interpretazione del carattere strumentale del lavoro umano e della sua natura originariamente tecnica.


L’incipit: Come si sa, sul letto di morte Husserl si rammaricò di lasciare incompiuta la sua ultima opera, La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale. Vedeva in essa, disse, «un piccoli inizio», nel quale era riuscito a rifarsi interamente a se stesso. Naturalmente l’espressione «piccolo inizio» ha sollevato e solleva tuttora sorpresa, stupore e sorrisi commossi. Husserl parla candidamente di piccolo inizio a proposito di un’opera così ricca, complessa decisiva, sebbene incompiuta, e lasciando poi in eredità altre migliaia e migliaia di pagine edite ed inedite…: ecco la grande, inconsapevole, persino ingenua modestia di un vero genio e di un uomo totalmente dedito alla ricerca filosofica, ignaro, come annotò lui stesso in una pagina di diario, di compiacimenti e di mondane distrazioni, quale fu indubbiamente Edmund Husserl. Ha detto: un piccolo inizio; mas perché l’ha detto? E cosa intendeva veramente? Non è possibile che quelle parole vadano invece prese alla lettera, e non solo come espressione di una personalità schiva e ignara di narcisistici compiacimenti? E’ appunto al possibile contenuto filosofico dell’espressione in parola che sono dedicate le riflessioni che seguono; certo, senza nulla togliere alla grandezza morale e umana della persona che le proferì in fin di vita. Sulla scorta di quella espressione e nel segno di Husserl, ci interrogheremo qui sul rapporto che lega la vita materiale a ciò che intendiamo per “realtà”.

 

L’autore: Carlo Sini ha insegnato per trent’anni Filosofi a teoretica all’Università degli Studi di Milano. È Accademico dei dei Lincei e membro di altre accademie e istituzioni culturali italiane e internazionali. E’ autore di oltre quaranta libri, alcuni dei quali tradotti in varie lingue. Tra i volumi più recenti, tutti pubblicati da Jaca Book ricordiamo: Incontri. Vie dell’errore, vie della verità (2013), Il sapere dei segni. Filosofia e semiotica (2012), Del viver bene (2011, ultima ristampa 2015). Presso lo stesso editore sono in corso di pubblicazione le Opere in sei volumi.


Condividi

Parole al vento

MAGNANIMITA'

di Nando Cianci

Sui social network si leggono, con straripante frequenza, giudizi perentori ed inappellabili su avvenimenti, idee, fatti pubblici e privati. Tali giudizi sono per lo più accompagnati da insulti verso chi la pensa diversamente, trattato

Leggi tutto...
PUNTATE PRECEDENTI

Gradimento 
Flauto 
Curiosità 
Tablet ai lattanti 
Fannulloni 
E allora? 
Penelope e 'a carogna 
Stare in fila

Truccati per la competizione  
La rivincita del somaro 
Psicofarmaci ai bambini 
Asfaltare l'avversario

Libri lenti

VIANDANTI E NAVIGANTI. EDUCARE ALLA LENTEZZA AL TEMPO DI INTERNET

                                                   COPERTINA COPIA LAVORO

 di Nando Cianci

Youcanprint, Tricase pp. 120, € 10,00

Leggi tutto...
SLOW SCHOOL

RITSCHERdi Penny Ritscher, Giunti, Firenze, pp. 144, € 10,00

Leggi tutto...
LAVORARE CON LENTEZZA

LAVORARE_LENTEZZA

di Bruno Contigiani, Dalai Editore, Milano, pp. 112,      € 13,00

Leggi tutto...
GIOVENTU' SCIPPATA
copertina_libro
 
di Nando Cianci                  (con presentazione di Carlo Sini),Teaternum, pp. 160, € 10,00
Leggi tutto...
LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA

PedagogiaLumaca 1

   di Gianfranco Zavalloni, EMI, Bologna, pp. 153, € 12,00

Leggi tutto...
ELOGIO DELL'EDUCAZIONE LENTA

FRANCESCH

di Joan D. Francesch        La Scuola, Brescia,                 pp.192, € 9,50

Leggi tutto...
L'ARTE DEL VIAGGIARE LENTO

MERLINI

a spasso per l’Italia senz’auto
di Paolo Merlini, Ediciclo editore, Portogruaro, pp. 176, € 14,50

Leggi tutto...