Statistiche

0882868
Tot. visite contenuti
882868

Cerca

Newsletter

Iscriviti al servizio newsletter di Scuolaslow!

Novità

Scuola Slow è anche su Twitter (https://twitter.com/Scuolaslow) e su Facebook (https://www.facebook.com/scuola.slow)Twitter  Facebook

 

La scuola serve a vivere meglio, non a produrre di più
(Nando Cianci)

Cos'è Scuolaslow

Scuolaslow è una piazza nella quale incontrarsi, discutere, raccontare le riflessioni, le esperienze, le pratiche intrecciate con l'idea di una scuola slow, vale a dire sottratta...

LEGGI TUTTO >>>

Condividi

TRA ME E IL MONDOTa-Nehisi Coates, Tra me e il mondo, Codice, pp. 207, € 16,00

Il libro: È una lettera che l’autore scrive al figlio nel giorno del suo quindicesimo compleanno. Gli racconta la storia della sua infanzia passata nella parte sbagliata di Baltimora, la paura delle strade e delle gang. La paura della scuola, della violenza, della polizia. La paura delle botte a casa, fuori casa, sempre. Vincere questa paura, la paura del corpo, diventerà lo scopo della vita di Ta-Nehisi Coates. Per la prima volta la ricostruzione della storia americana riparte da zero, e riparte proprio da Ground Zero, dove ben prima del crollo delle Torri c’era la sede del mercato degli schiavi della città di New York. E arriva alle morti ingiuste, alle continue uccisioni ingiustificate di neri da parte della polizia. La violenza nei confronti dei neri d’America diventa nel racconto di Coates la storia universale del razzismo. L’idea del libro è nata dopo un colloquio alla Casa Bianca con Barack Obama. La visione di Ta-Nehisi Coates non è ottimista, non è pacificatoria, e il suo è un grido di collera e di indignazione che ha colpito al cuore tutti i suoi lettori.

L’incipit:
   Figlio,
   domenica scorsa la presentatrice di una nota trasmissione televisiva ha chiesto che significato avesse per me perdere il mio corpo. Lei era a Washington D.C., mentre io me ne stavo seduto in uno studio sperduto all’estremità di Manhattan. C’era un satellite a coprire la distanza tra noi, ma nessuna macchina avrebbe mai potuto colmare la distanza tra il suo mondo e quello in nome del quale ero stato chiamato a parlare. Nel momento in cui la presentatrice ha fatto quella domanda, sullo schermo, al posto del suo viso, sono comparse alcune frasi che avevo scritto all’inizio di quella settimana.
   La presentatrice ha letto quelle parole al pubblico, poi è passata ad affrontare il tema del mio corpo, pur senza mai nominarlo esplicitamente. Ormai sono abituato a sentirmi rivolgere domande sulla condizione del mio corpo da persone intelligenti, senza capire le ragioni della loro richiesta. Nello specifico voleva sapere perché ritengo che il progresso dell’America bianca, o meglio di quelli americani che pensano di essere bianchi, sia basato sul saccheggio e sulla violenza. Mentre ascoltavo, ho sentito una vecchia e indistinta tristezza riaffiorare dentro di me. La risposta a questa domanda sta nelle gesta di coloro che si credono bianchi. La risposta è la stessa storia americana.
                               

L’autore: Ta-Nehisi Coates è nato a Baltimora nel 1975. Ha cominciato la sua carriera scrivendo per il “Washington City Paper”. Oggi è una delle firme più prestigiose dell’“Atlantic”, e collabora con “Time”, “The New York Times Magazine” e “The Washington Post”. Per i suoi articoli ha vinto numerosi premi, tra cui l’Hillman Prize,   il National Magazine Award, il George Polk Award e l’Harriet Beecher Stowe Prize. Con Tra me e il mondo si è aggiudicato il National Book Award e il Genius Grant della MacArthur Foundation. È finalista al National Book Critics Circle Award. Al momento sta lavorando a un film sulla vita di Martin Luther King prodotto dalla HBO con Oprah Winfrey, e scriverà il primo volume a fumetti per la Marvel dedicato alle Pantere Nere.

Condividi

A passo d'uomo

A PASSO D'UOMO

www.apassoduomo.it 
è il nuovo blog scritto a più mani e  pensato come luogo di incontro, [ ... ]

Leggi tutto...

Parole al vento

MAGNANIMITA'

di Nando Cianci

Sui social network si leggono, con straripante frequenza, giudizi perentori ed inappellabili su avvenimenti, idee, fatti pubblici e privati. Tali giudizi sono per lo più accompagnati da insulti verso chi la pensa diversamente, trattato

Leggi tutto...
PUNTATE PRECEDENTI

Gradimento 
Flauto 
Curiosità 
Tablet ai lattanti 
Fannulloni 
E allora? 
Penelope e 'a carogna 
Stare in fila

Truccati per la competizione  
La rivincita del somaro 
Psicofarmaci ai bambini 
Asfaltare l'avversario

Libri lenti

VIANDANTI E NAVIGANTI. EDUCARE ALLA LENTEZZA AL TEMPO DI INTERNET

                                                   COPERTINA COPIA LAVORO

 di Nando Cianci

Youcanprint, Tricase pp. 120, € 10,00

Leggi tutto...
SLOW SCHOOL

RITSCHERdi Penny Ritscher, Giunti, Firenze, pp. 144, € 10,00

Leggi tutto...
LAVORARE CON LENTEZZA

LAVORARE_LENTEZZA

di Bruno Contigiani, Dalai Editore, Milano, pp. 112,      € 13,00

Leggi tutto...
GIOVENTU' SCIPPATA
copertina_libro
 
di Nando Cianci                  (con presentazione di Carlo Sini),Teaternum, pp. 160, € 10,00
Leggi tutto...
LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA

PedagogiaLumaca 1

   di Gianfranco Zavalloni, EMI, Bologna, pp. 153, € 12,00

Leggi tutto...
ELOGIO DELL'EDUCAZIONE LENTA

FRANCESCH

di Joan D. Francesch        La Scuola, Brescia,                 pp.192, € 9,50

Leggi tutto...
L'ARTE DEL VIAGGIARE LENTO

MERLINI

a spasso per l’Italia senz’auto
di Paolo Merlini, Ediciclo editore, Portogruaro, pp. 176, € 14,50

Leggi tutto...