Statistiche

1014490
Tot. visite contenuti
1014490

Cerca

Newsletter

Iscriviti al servizio newsletter di Scuolaslow!

Novità

Scuola Slow è anche su Twitter (https://twitter.com/Scuolaslow) e su Facebook (https://www.facebook.com/scuola.slow)Twitter  Facebook

 

La scuola serve a vivere meglio, non a produrre di più
(Nando Cianci)

Cos'è Scuolaslow

Scuolaslow è una piazza nella quale incontrarsi, discutere, raccontare le riflessioni, le esperienze, le pratiche intrecciate con l'idea di una scuola slow, vale a dire sottratta...

LEGGI TUTTO >>>

Condividi

LA VALIGIA DI ADOUZita Dazzi, La valigia di Adou, il Castoro, Milano, pp. 140, € 12,00

 

Il libro: Un libro ispirato alla storia vera di un bambino che giunge in Italia chiuso dentro una valigia. Da noi trova un altro bambino con cui stringerà un’amicizia speciale.
Il racconto procede alternando, in prima persona, le voci di Adou e del suo amico Oreste. Il primo, iniziando dallo stupore con cose ed ambienti sconosciuti nel suo villaggio di provenienza; il secondo stupendo per l’assurdità del fatto che un essere umano debba viaggiare dentro una valigia. Con una chiosa finale di Luigina, la sorellina di Oreste.
Un libro che tratta temi profondi, come quello di guardare le migrazioni con l’occhio dei bambini, ma che procede con lo stile leggero della fiaba.  Che viene, per i suoi contenuti e per come sono resi, sostenuto anche da Amnesty International Italia.

Adou e Oreste hanno molte cose in comune: hanno tutti e due dieci anni, amano il calcio, non capiscono il mondo dei grandi. E poi, tutti e due aspettano qualcosa: Adou non vede l’ora di arrivare in Italia, Oreste aspetta la nascita della sorellina. Ma il sogno dell’Italia per Adou comincia nel modo più drammatico: da solo, dentro una valigia. La stessa valigia che riserverà a Oreste la più grande sorpresa della sua vita. Adou e Oreste ci raccontano la storia che li ha portati a conoscersi e a diventare amici, in barba a qualunque ostacolo. I legami più forti, a volte, nascono nei modi più inaspettati.

L’incipit: È TUTTO NERO QUI DENTRO, ma ormai sono abituato…
   Quando mi hanno messo nella valigia, mi hanno detto di dormire e di non pensare-
   Mi hanno detto di non piangere, che finirà presto.
   Io mi fido.
   Sono piccolo e magro, mi piego come una camicia, io.
   Sono piccolo e magro r obbedisco a quello che mi dicono i grandi.
   È tutto nero qui dentro. Ma io non ho paura.
   La tela che mi avvolge è leggera e passa l’aria. La cerniera è un po’ scucita da un lato e riesco a respirare. Mi sollevano, mi trasportano, in fondo è quasi divertente. Sembra un gioco, sembra di stare su una carriola come quella che usava mio pare al villaggio per trasportare le cose.
   Lui portava casse piene di pesce: Anch’io sto dentro a questa valigia, fermo, immobile, come un grosso pesce incartocciato. Cerco di non pensare a niente. Non penso al mare, non penso al villaggio, non penso a mio padre.
   Penso solo a dormire, come mi ha detto mamma. Presto tutto questo finirà e per noi comincerà una nuova vita. Lontano dal mare, lontano dal villaggio, in un nuovo mondo. Dove ci sarà futuro anche per noi, gli ultimi della terra.

L’autrice: Zita Dazzi è giornalista de «La Repubblica». Segue principalmente la cronaca e i temi sociali. Vive e lavora a Milano. Nel ’93 ha vinto il premio giornalistico dell’Associazione Interessi Metropolitani e nel 2002 il premio Cronista dell’anno dell’Associazione lombarda giornalisti. Con Il Castoro ha pubblicato anche La banda dei Gelsomini, Bella e Gustavo (Premio Leggimi Forte 2015), Il mondo di Teo e un racconto della raccolta La prima volta che.

Condividi

Parole al vento

MAGNANIMITA'

di Nando Cianci

Sui social network si leggono, con straripante frequenza, giudizi perentori ed inappellabili su avvenimenti, idee, fatti pubblici e privati. Tali giudizi sono per lo più accompagnati da insulti verso chi la pensa diversamente, trattato

Leggi tutto...
PUNTATE PRECEDENTI

Gradimento 
Flauto 
Curiosità 
Tablet ai lattanti 
Fannulloni 
E allora? 
Penelope e 'a carogna 
Stare in fila

Truccati per la competizione  
La rivincita del somaro 
Psicofarmaci ai bambini 
Asfaltare l'avversario

Libri lenti

VIANDANTI E NAVIGANTI. EDUCARE ALLA LENTEZZA AL TEMPO DI INTERNET

                                                   COPERTINA COPIA LAVORO

 di Nando Cianci

Youcanprint, Tricase pp. 120, € 10,00

Leggi tutto...
SLOW SCHOOL

RITSCHERdi Penny Ritscher, Giunti, Firenze, pp. 144, € 10,00

Leggi tutto...
LAVORARE CON LENTEZZA

LAVORARE_LENTEZZA

di Bruno Contigiani, Dalai Editore, Milano, pp. 112,      € 13,00

Leggi tutto...
GIOVENTU' SCIPPATA
copertina_libro
 
di Nando Cianci                  (con presentazione di Carlo Sini),Teaternum, pp. 160, € 10,00
Leggi tutto...
LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA

PedagogiaLumaca 1

   di Gianfranco Zavalloni, EMI, Bologna, pp. 153, € 12,00

Leggi tutto...
ELOGIO DELL'EDUCAZIONE LENTA

FRANCESCH

di Joan D. Francesch        La Scuola, Brescia,                 pp.192, € 9,50

Leggi tutto...
L'ARTE DEL VIAGGIARE LENTO

MERLINI

a spasso per l’Italia senz’auto
di Paolo Merlini, Ediciclo editore, Portogruaro, pp. 176, € 14,50

Leggi tutto...