Statistiche

1391866
Tot. visite contenuti
1391866

Cerca

Newsletter

Iscriviti al servizio newsletter di Scuolaslow!

Novità

Scuola Slow è anche su Twitter (https://twitter.com/Scuolaslow) e su Facebook (https://www.facebook.com/scuola.slow)Twitter  Facebook

 

La scuola serve a vivere meglio, non a produrre di più
(Nando Cianci)

Cos'è Scuolaslow

Scuolaslow è una piazza nella quale incontrarsi, discutere, raccontare le riflessioni, le esperienze, le pratiche intrecciate con l'idea di una scuola slow, vale a dire sottratta...

LEGGI TUTTO >>>

Condividi

SICURI IN RETEGuida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei social network,
di Mauro Ozenda e Laura Bissolotti, Hoepli, Milano, pp. 234, € 14,90.

Il libro: Internet come occasione straordinaria di girare in lungo e in largo l’universo culturale, per acquisire informazioni preziose alle quali non saremmo mai arrivati dovendo muovere il nostro corpo per il mondo alla loro ricerca; come occasione di incontri e nuove relazioni, che ci consentono di avere contatti con persone che mai avremmo conosciuto. Internet come una giungla caotica e inesplorabile, irta di insidie e di agguati, popolata anche da malviventi senza scrupoli dediti alla truffa, all’adescamento, all’attentare alla innocenza dei più piccoli.
   Questa diatriba domina da tempo il senso comune, che ne enfatizza ora l’uno ora l’altro dei corni. A volte perché si leggono o si vivono esperienze sgradevoli o pericolose. Altre volte

perché il territorio sterminato della rete ci spaventa per la sua informe e sconfinata estensione o perché richiede la padronanza e l’uso di linguaggi complicati e di capacità di districarsi in grovigli creati da un traffico caotico e senza un senso decifrabile.
   Enfatizzati o no, i due aspetti –quello della conoscenza e della relazione da una parte, quello del malaffare e delle esche per i meno avveduti dall’altro- convivono nella realtà. Nella realtà virtuale, verrebbe da dire; ma fino a che punto
sono oggi districabili il reale e il virtuale nella nostra esperienza quotidiana? E’ un fatto, per esempio, che gli incontri traumatici fatti sulla rete hanno poi conseguenze pesanti sulla vita reale delle persone adescate, specie se molto giovani. Così come è un fatto che la messe di informazioni che riusciamo a reperire su un dato argomento possono incidere sulla qualità del nostro lavoro nella vita reale.
   Non servono, pertanto, né acritiche esaltazione delle magnifiche sorti e progressive che la telematica assicurerebbe agli umani, né il ritrarsi sdegnati o spaventati dalle galassie della rete. Occorre un atteggiamento che sappia riconoscere quanto dei prodotti del virtuale abiti ormai la nostra vita reale, come dalla esaltazione del virtuale ci si debba guardare per non smarrire il nostro senso critico e le nostre più preziose facoltà intellettive, come usare la rete, come difendersi dai pericoli dei quali, innegabilmente, essa pullula. Un compito immane, rispetto al quale non possiamo nasconderci né la complessità né i ritardi che andiamo accumulando, anche nel campo della educazione e della scuola.
   Su questo ampio e fondamentale aspetto della contemporaneità si susseguono gli studi e le riflessioni, che si articolano in vari filoni. Per dirne alcuni: quello filosofico, incentrato sulla ricerca del senso in presenza del dominio della tecnica; quello che si interroga sulle conseguenze antropologiche del mutare dell’universo comunicativo; quello che studia le modificazioni che l’uso di macchine sempre più “intelligenti” producono sul cervello umano; e, non ultimo per importanza, quello che si di dare utili consigli, a chi con i nuovi alfabeti della moderna comunicazione ha poca dimestichezza, per limitare i danni e accrescere l’uso consapevole di essi. Di consigli davvero utili, a tale proposito, è ricco il volume, da poco in libreria, Sicuri in rete. Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di Internet e dei social network, di Mauro Ozenda e Laura Bissolotti, (Hoepli, pp. 234, € 14,90). Un libro che, partendo dall’idea che gli adulti sono in difficoltà nel consigliare, nel mondo virtuale, i figli (che in questo ambito spesso ne sano più di loro), ritiene che « per difendersi dai nuovi pericoli della rete non è necessario essere dei tecnici, basta un po’ di informazione e di volontà per seguire i giovani sul loro terreno comunicativo». Un terreno nel quale gli autori si addentrano segnalandocene i rischi, partendo dal cyberbullismo e dalla dipendenza dalla tecnologie per affrontare anche i temi delicati della pornografia online e degli altri contenuti rischiosi per i minori. Ma con l’occhio sempre rivolto al modo per difendersi dai pericoli, per navigare in sicurezza sul web e per cogliere, di questo mondo, anche gli stimoli positivi, la compatibilità con la legalità e la possibile percezione dell’etica.
Il tutto per colmare « il gap generazionale e l’incomunicabilità con i nativi digitali». E per favorire, in fondo, migliori relazioni all’interno delle famiglie e della scuola.

L’incipit: L'esperienza maturata nell'ambito della formazione di docenti e genitori sulla tematic Internet e minori, la collaborazione con importanti realtà associative quali Unicef, Lions, Mani Colorate e aziende di settore quali Microsoft e Simantec, la sinergia con le istituzioni, in primis la Polizia Postale e delle Comunicazioni, ci consentono ogg di scrivere questo libro che si pone come obiettivo principale quello di diventare un riferimento per docenti, genitori ed educatori andando a colmare il divario tecnologico esistente fra il mondo dei ragazzi e quello degli adulti. Oggi più che mai Internet è diventata e diventerà una risorsa di cui non è possibile fare a meno; vogliamo dunque incentivarne l’utilizzo fornendo i giusti consigli affinché non si cada nella rete della disinformazione. Tenere lontani i ragazzi da Internet equivale a non stimolare quegli anticorpi che servono loro per affrontare consapevolmente e legalmente il mondo del web. Equivarrebbe a rinchiudere in casa un ragazzo per quindici anni segregandolo. Uscendo per strada non saprebbe come affrontare il mondo, quali sono le regole, come socializzare. In poche parole non saprebbe vivere.
Gli adulti conoscono bene la vita reale e in merito a questa stilano le regole per affrontare la realtà difendendosi dai ischi e dai pericoli che presenta. La maggior parte di loro, però, non sa fare la stessa cosa nel mondo virtuale in quanto non ne conosce i rischi e i pericoli. La struttura di questo libro è orientata a fornire le giuste indicazioni al fine di trasmettere cultura e conoscenza.

Gli autori:
OZENDAMauro Ozenda, consulente informatico di lunga esperienza, segue percorsi formativi sull’uso sicuro di Internet in collaborazione con realtà come Microsoft e Unicef, e organizza convegni su rete e minori con Lions International e Polizia ostale e delle Comunicazioni.
Laura Bissolotti, psicologa, è un’esperta di psicologia giuridica e della rete impegnata soprattutto nel campo delle nuove dipendenze legate al virtuale. Collabora con le associazioni Unicef e Mani Colorate

 

    

Condividi

A passo d'uomo

IL BLOG

Per leggere il blog A passo d'uomo cliccare su questo link: www.apassoduomo.it

Leggi tutto...

Parole al vento

VECCHIAIA

di NANDO CIANCI

La parabola della parola "vecchiaia": da evocatrice di saggezza e rispetto a termine da nascondere e negare- La vuota retorica "del nuovo"

Grande studio (ambizione) degli uomini mentre sono immaturi, è di  parere uomini fatti, e quando sono uomini fatti, di parere immaturi.   
 
(G. Leopardi, Zibaldone, 16. Settem. 1832).

Leggi tutto...
PUNTATE PRECEDENTI

Magnanimità
Gradimento 
Flauto 
Curiosità 
Tablet ai lattanti 
Fannulloni 
E allora? 
Penelope e 'a carogna 
Stare in fila
Truccati per la competizione  
La rivincita del somaro 
Psicofarmaci ai bambini 
Asfaltare l'avversario

Libri lenti

VIANDANTI E NAVIGANTI. EDUCARE ALLA LENTEZZA AL TEMPO DI INTERNET

                                                   COPERTINA COPIA LAVORO

 di Nando Cianci

Youcanprint, Tricase pp. 120, € 10,00

Leggi tutto...
SLOW SCHOOL

RITSCHERdi Penny Ritscher, Giunti, Firenze, pp. 144, € 10,00

Leggi tutto...
LAVORARE CON LENTEZZA

LAVORARE_LENTEZZA

di Bruno Contigiani, Dalai Editore, Milano, pp. 112,      € 13,00

Leggi tutto...
GIOVENTU' SCIPPATA
copertina_libro
 
di Nando Cianci                  (con presentazione di Carlo Sini),Teaternum, pp. 160, € 10,00
Leggi tutto...
LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA

PedagogiaLumaca 1

   di Gianfranco Zavalloni, EMI, Bologna, pp. 153, € 12,00

Leggi tutto...
ELOGIO DELL'EDUCAZIONE LENTA

FRANCESCH

di Joan D. Francesch        La Scuola, Brescia,                 pp.192, € 9,50

Leggi tutto...
L'EDUCAZIONE NON E' FINITA

di Duccio Demetrio
RaffaelloCortina Editore, pp. 155, € 11

Leggi tutto...